COMUNICATO STAMPA M5S San Giovanni V.no

“La riforma sanitaria regionale con relativo accorpamento delle ASL mette a rischio entrambi gli ospedali del Valdarno. Le scelte dell’amministrazione regionale, di suddividere il territorio in due aree vaste diverse, impedisce la sinergia tra i presidi della Gruccia e del Serristori e provocherà non pochi disagi a tutti i cittadini, violando il loro diritto alla salute. Infatti il Serristori rischia addirittura la chiusura mentre la Gruccia, un ospedale nel quale sono stati fatti tanti investimenti e che ha un grande bacino di utenza, verrà declassato a presidio ospedaliero di base; si andranno a chiudere importanti reparti quali pediatria, ostetricia e ginecologia, rianimazione, cardiologia, medicina d’urgenza ed oncologia”.

“Vi siete accorti che nel Pronto Soccorso le attese sono sempre più estenuanti? Che le liste di attesa sono sempre più lunghe? Il personale sanitario è ridotto all’osso ed obbligato, nel caso dei medici, a fare diagnosi in pochi minuti e con l’impossibilità di ricovero. Questo accade già oggi figuriamoci quando il presidio ospedaliero sarà ulteriormente depauperato. Inoltre questa riforma non ci convince per un altro motivo: la “promessa riorganizzazione dei servizi” in realtà manterrà tutte le poltrone dirigenziali, infatti ci saranno super dirigenti per le nuove maxi Asl, ma anche tanti vice direttori generali quanti sono gli attuali direttori generali, a stipendi pressoché equivalenti”.

“Tutti i sindaci interessati si sono spesi in parole a difesa delle nostre strutture ospedaliere e poichè le loro Conferenze prenderanno parte al processo di riorganizzazione, ci auguriamo che ai proclami seguano i fatti. Noi come MoVimento 5 Stelle daremo battaglia: la sanità pubblica che vogliamo non insegue le logiche del profitto ma il benessere del paziente e la sua dignità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *