PREMESSO CHE:

 

  • ogni anno in occasione della dichiarazione dei redditi i contribuenti possono scegliere a cosa destinare l’8 per mille del gettito IRPEF;
  • da quest’anno, grazie all’approvazione dell’emendamento n.1.1044 proposto dal MoVimento 5 Stelle alla legge di stabilità 2014, art.1 Comma 206, lo Stato può destinare il proprio 8 per mille, oltre che a «interventi straordinari per la fame nel mondo, calamità naturali, assistenza ai rifugiati, conservazione di beni culturali», anche a «ristrutturazione, miglioramento, messa in sicurezza, adeguamento antisismico ed efficientamento energetico degli immobili di proprietà pubblica adibiti all’istruzione scolastica».

 

CONSIDERATO CHE:

 

  • tra gli interventi che l’Ente ha il dovere istituzionale, ma soprattutto etico e morale, di mettere tra le priorità della propria azione amministrativa sicuramente ci sono gli edifici di istruzione primaria di competenza comunale;
  • sul territorio di San Giovanni Valdarno insistono edifici scolastici di proprietà comunale;
  • le pubbliche amministrazioni hanno tempo fino al 30 settembre 2014 per presentare richiesta di accesso al fondo citato;

 

 

 

 

 

 

 

SI CHIEDE AL SINDACO E ALLA GIUNTA

 

 

  • se gli edifici in questione necessitano urgentemente di interventi di ristrutturazione, miglioramento, messa in sicurezza, adeguamento antisismico ed efficientamento energetico;
  • se il Comune di San Giovanni Valdarno intenda presentare, entro e non oltre il 30 settembre 2014, formale richiesta di accesso ai fondi destinati dall’8 per mille all’edilizia scolastica.

 

Nell’ipotesi di richiesta di accesso ai suddetti fondi quali edifici siano stati individuati come prioritari per gli interventi di ristrutturazione.

 

 

Si richiede risposta scritta ed orale in Consiglio Comunale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *