Riportiamo questo articolo preso direttamente dal sito www.perunaltracitta.org
Non sappiamo se la cosa sia vera o no ma conoscendo i personaggi in questione proprendiamo alla veridicità della notizia :)
————————————————————————————————————-
Siccità, De Zordo: “Una follia il campo da golf a 18 buche alle Cascine: consuma acqua quanto un paese di 8.000 abitanti”.
La decisione del sindaco Renzi di realizzare nel Parco delle Cascine un campo da golf a 18 buche, come si evince dal Masterplan, è una follia. Consumerebbe ogni giorno tanta acqua quanto un paese di 8.000 abitanti. Lo attesta l’Associazione Europea del Golf, vedi al sito http://www.ega-golf.ch/ (vedi articolo pagina http://www.vasonline.it/editoriali/golf_atzori.htm ). Infatti il campo da golf necessita di una notevole mole d’acqua irrigua per mantenere un’adeguata crescita della vegetazione nelle aree di gioco. E un campo da golf, tipo medio, a 18 buche, consumerebbe in media 2.000 metri cubi di acqua al giorno, appunto la stessa quantità d’acqua consumata da un paese da 8.000 persone.
In una fase climatica, in cui il consumo d’acqua deve essere necessariamente moderato per una siccità che sembra un fenomeno non tanto eccezionale quanto ricorrente, come si può chiedere ai cittadini di far seccare le piante nei propri orti e giardini e poi prevedere un tale consumo per un campo da golf?  Invitiamo Renzi a ripensare il suo masterplan e a cancellare la previsione del campo da golf che anche per altri motivi ci sembra insostenibile: il parco delle Cascine non ha alcun bisogno di aggiungere punti di attrazione  estranei alla sua natura. Non deve diventare un parco giochi artificiale, ma mantenere la sua vocazione di parco storico libero e aperto alla cittadinaza, curando il suo inestimabile patrimonio di verde che già oggi viene usato liberamente dalle persone. Aggiungiamo che ci sembra giusto voler riqualificare il parco più grande di Firenze, ma investendo soprattutto nella fruibilità dell’area e nella sua cura e manutenzione e non snaturandolo attraverso una serie di attività a pagamento date in gestione ai privati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *