125 firme di cittadini sangiovannesi attendono di essere ascoltate dal comune di San Giovanni Valdarno.Il frutto della raccolta, realizzata tra settembre e ottobre, per opera del Movimento 5 Stelle dell’omonimo comune sono state protocollate mercoledì scorso, 21novembre 2012.La richiesta avanzata presso il primo cittadino consiste in una modifiche alle regole che gestiscono il traffico all’interno della ZTL (Zona a Traffico Limitato).L’obiettivo prefissato è quello di rendere più accessibile le attività commerciali del centro migliorando, nel contempo, la qualità della vita dei residenti della ZTL.

Per questi motivi i punti della proposta presentata sono stati:

 

  • Azzeramento delle spese per ottenere i permessi da parte dei residenti all’interno della ZTL.
  • Bonus di 15 minuti per i parcheggi a pagamento e di 30 minuti per i parcheggi in Piazza della libertà per tutte le utenze che si avvalgono dei parcheggi blu.
  • Sosta gratuita all’interno dei parcheggi a pagamento per i residenti all’interno della ZTL
  • Utilizzo di mezzi elettrici all’interno della ZTL

 

I motivi che hanno alimentato la proposta sono stati duplici: da una parte si è voluto salvaguardare la proprietà privata dei residenti della ZTL, dall’altra rendere maggiormente accessibile il centro storico di San Giovanni per favorire le attività commerciali esistenti.

La cosa è stata possibile grazie allo strumento di “Proposta di iniziativa popolare” descritta nell’Art 43 dello Statuto del Comune di San Giovanni secondo cui i cittadini possono proporre modifiche di atti o regolamenti esistenti.

La particolarità della proposta, redatta secondo il principio di democrazia partecipata, ha accolto il favore della cittadinanza che si è mostrata sensibile sia alla sostanza della proposta che alla forma adottata.

Questo strumento, infatti, permette ai cittadini di poter interagire direttamente con le forze politiche che gestiscono il proprio territorio comunale integrando così il faticoso lavoro dei consiglieri e migliorando il dialogo tra cittadini ed istituzioni.

Oltre a questo una curiosità.

Ad oggi la “Proposta di iniziativa popolare” presentata dal Movimento 5 Stelle è stata la prima ad essere stata redatta. A detta di alcuni, infatti, è la prima volta all’interno del territorio comunale che viene usato la “Proposta di iniziativa popolare”. La notizia ad oggi, non è stata ancora smentita.

Con questo il Movimento 5 Stelle si augura che questa sia la prima ma non l’ultima volta che un così benfatto strumento democratica venga utilizzato per un migliore il governo del territorio cogliendo l’occasione per ringraziare tutte le persone che si sono adoperate per la realizzazione della proposta.

Nell’attesa fiduciosa dell’operato del primo cittadino, le prime 125 firme rappresentano forse già un piccolo passo in una San Giovanni più fruibile, vivace e a misura d’uomo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *