E’ stata rigettata la sospensiva dell’ordinanza del sindaco di Parma contro il circo Martini, giudicata “a un primo sommario esame” legittima. Il giudizio di merito si terrà il 24 ottobre. Lo ha stabilito, secondo repubblica.it, il giudice del Tar Laura Marzano, che si è espressa oggi attraverso un decreto urgente in attesa della decisione in camera di consiglio, richiesta dai titolari dell’impresa di spettacolo. Secondo il giudice “a un primo sommario esame non pare potersi rilevare il denunciato difetto dei presupposti di legge legittimanti il ricorso all’adozione di provvedimenti contingibili e urgenti”. Inoltre è stata “apprezzata la non infondatezza dell’esigenza manifestata nell’impugnata ordinanza di neutralizzare situazione id potenziale minaccia alla pubblica incolumità”. In altri termini, la motivazione dell’ordinanza, emessa per evitare disordini e garantire la pubblica sicurezza, è stata ritenuta legittima. A questo punto il circo Martini potrebbe essere denunciato per aver violato il provvediemento.,Oppure il Comune sceglierà di attendere il 24. “Un provvedimento più che mai opportuno considerando l’inaccettabile performance dell’alligatore del circo Martini finito pochi giorni fa tra il pubblico, e per evitare che la drammatica fuga e morte della giraffa Aleksandre possa ripetersi”: commenta Nadia Masutti (responsabile nazionale LAV settore Circi, Zoo, Esotici). “L’ordinanza del Sindaco di Parma in materia di circhi con animali è dunque pienamente in vigore ed efficace – continua – chiediamo la massima sanzione per il Circo ‘Paolo Orfei-Circo Pantera rosa di Aldo Martini’ che intende, come già avvenuto, deliberatamente violarla e che non solo ha fatto esibire un alligatore, ma l’ha messo, volontariamente o meno, a contatto con il pubblico: un fatto gravissimo, in quanto è vietato – dalla legge (D.M. 1996) e dal buonsenso – mettere a contatto animali pericolosi con il pubblico. Un fatto inopportuno anche per il rispetto dovuto a questi animali e per la tutela del loro benessere. Salutiamo questo provvedimento del Tar come una prima importante vittoria sul Circo ‘Paolo Orfei-Circo Pantera rosa di Aldo Martini’, tristemente noto per la morte della giovane giraffa Aleksandre fuggita dalle gabbie, e contro tutti i circhi che continuano a portare sul palcoscenico animali acrobati nonostante la stragrande maggioranza dell’opinione pubblica (l’86,2% dei cittadini secondo l’ultimo Rapporto Eurispes) disapprovi questo uso degli animali”.

 

Articolo tratto dal sito: “http://www.nelcuore.org”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *